Comune di Carlino

Ricerca rapida


< vai al contenuto centrale




Il tuo percorso: Ti trovi qui -> Comune di Carlino > Il Territorio > La Storia

Storia

Pagina 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8

Il Nome di Carlino

Monumento ai caduti
Immagine storica

La prima volta che il nome di Carlino (esattamente Carlins) appare su un documento, a quel che ne sappiamo, è il 13 luglio dell'anno 1031, quando viene menzionato nel celebre diploma del patriarca Popone. Questa data non può certo venir presa come inizio della storia di Carlino, riferendosi infatti solo ad un momento della vita politica, amministrativa ed ecclesiastica del paese stesso. In quell'anno Carlino era già una villa di una qualche importanza nonostante il suo nome non compaia mai nei documenti che ci restano del periodo precedente quella data. Generalmente dell'alto medioevo ci rimangono poche documentazioni, in particolare poche testimonianze scritte.
Pensiamo anche che il maggior centro di irradiazione di cultura della regione, Aquileia, già grande metropoli commerciale dell'Impero Romano, si riduce in quel periodo ad una borgata semidisabitata ed insalubre. Inoltre le prime citazioni documentate dei paesi vicini risalgono più o meno allo stesso periodo: S.Giorgio e Gonars compaiono assieme a Carlino nel medesimo documento, Porpetto viene nominato la prima volta nel 1186, Torre di Zuino (ora Torviscosa) nel 1278, Malisana nel 1161, Villanova nel 1274, Zellina nel 1239, Muzzana nell'824, Precenicco nel 1150, Piancada nel 1226.
Fa eccezione Marano di cui parla Paolo Diacono affermando che ospitò il sinodo scismatico del patriarca Severo nell'anno 590. E' quindi un dato di fatto la rarità di documenti scritti risalenti a prima dell'anno mille.
Ma le fonti scritte non sono le uniche, benché forse le più importanti, per poter conoscere la storia di una comunità. Ben poco sapremmo, se così fosse, anche di epoche a noi relativamente vicine, Vi sono, infatti, altre fonti cui si può ricorrere: la toponomastica, l'archeologia, la numismatica, talvolta la tradizione orale e gli usi radicati nella gente. Ed infatti alcune di queste fonti ci vengono in aiuto, permettendoci di attestare l'esistenza di Carlino ben prima di quel fatidico 1031.